.

.

venerdì 6 luglio 2012

WIMBLEDON 2012 – SERENA WILLIAMS AL LUNA PARK DELLE NUMERO UNO A ROTAZIONE





Day 10 – Dal vostro inviato alle prese con un dilemma esistenziale: Ma le cicale, oggigiorno, sono più piccole di vent’anni fa o sono io che sono cresciuto?


Prosegue, implacabile e demolente come una palla da bowling, la marcia di Serena Williams sui campi dell’All England Club. Protagonista indiscussa di quest’edizione dei championships. Dopo Kvitova, s’abbatte come un tambureggiante uragano amazzonico anche su Victoria Azarenka. E a nulla valgono le scomposte gesta della bionda valchiria che corre e tira bombarde sul ritmo, esalando acutissimi, incessanti e fastidiosissimi versi da spettro ubriaco che s’è ingroppato una sirena dei pompieri. La versione kitch e ridicola di un film del terrore. Ormai ha sciolto le trecce ai cavalli Serena, non ha intenzione di fermarsi e prosegue come un treno lanciato in corsa alla folle media di due ace al game. Ieri alla fine saranno 24, in totale. Ma, servizio o meno, ciò che colpisce della ritrovata Tyson in gonnella è la devastante facilità violenta, unita a quella solidità mentale da numero uno che non si può certo scordare con gli anni. 
Pochi preamboli, giri di parole e convenevoli. Nessun inutile discorso di numeri, o virtuoso panegirico filosofico: se questa gira a pieno regime, o anche a tre quarti, non si batte. Non c’è Kvitova, Azarenka, Petzschner in guepierre o Bolelli con parrucca bionda da battona, che possano pensare di fermarla. Ovvio, anche nel torneo londinese ha rischiato d’esser imbrigliata, come avvenuto nell’epica sfida parigina con Virginie Razzano. Prima la cinese Jie Zeng, poi la fabbra assaltatrice Shvedova hanno provato lo storico sgambetto. Ma salvatasi d’un soffio ha finito per trovare la forma devastante con cui ha quasi ischerzato le ultime due avversarie. Proprio quelle che, nel tragico valzerone dell’insipienza attuale, si stanno alternando al vertice della classifica. Ragazzone giovani, dotate, imponenti e violente come Azarenka e Kvitova, senza voler accennare al breve regno di ritorno della siberiana urlante Sharapova o fossilizzarsi sul curioso scherzo della natura (travestitasi di computer) Wozniacki, numero uno in presenza di nessuno e ormai avviata ai campionati di tamburello da spiaggia a Gabicce mare. Ha portato le bimbe al luna park, e poi le ha ammazzate, Serena. Vince, convince e con le nari fumiganti come i bei tempi si prende la settima finale di Wimbledon. E non c’è nemmeno bisogno di vedere se riuscirà a portare a casa il suo quinto titolo per capire l’insegnamento di questa quasi parabola sportiva simile a quelle del fraticello di Scasazza Nino Frassica. Serena Williams rende evidente alle masse la povertà assoluta della Wta attuale. Sta ferma un anno dopo una misteriosa passeggiata sui vetri vivi in un malfamato locale del Bronx (era una specie di "Bar Tiffany", ma fa molto poliziesco anni ’80, pensarlo malfamato), ed altri lunghissimi mesi seguiti ad un aneurisma polmonare. Vicende che avrebbero convinto chiunque, con la sua bacheca, conto in banca ed attività extrasportive da multinazionale, a dire basta. Invece a 31 anni riprende a trottare con indolenza violenta e terga fasciate in un viola ammonente. Chiaro, con l’età diventa tutto più difficile, ma ancora, se il fisico regge, dimostra di essere la numero uno in pectore.
Domani in finale se la vedrà con l’outsider polacca Agnieska Radwanska che, nella semifinale meno nobile, ha agevolmente disposto del panzer teutonico Kerber. Ma che s’è fumato questo? Dirà qualcuno. “Outsider” una che rischia, vincendo, di diventare numero uno? E certo, è un altro evidente e voluto paradosso del magnifico mondo Wta. A memoria di criceto, la leggiadra polacca dal fisico snello e tennis a tratti brioso quanto una  7Up aperta nel 1986, non era mai riuscita ad arrivare ad una semifinale di major. Ora, grazie anche ad un tabellone pasquale, ce l'ha fatta ed eccola pronta a prendersi lo scettro di numero uno. Se per due set non sveglieranno Serena dal pisolino pomeridiano. Agnese mi sta anche abbastanza simpatica, le riconosco una certa qual varietà e completezza tennistica, oltre alla proverbiale astuzia tattica da faina col doppio mento e gli occhi taglienti. Ha saputo migliorarsi come poche, ed ancora ricordo qualche risolino d'infima sufficienza quando scrissi di vederla tranquillamente inserita nella lotta al vertice con Azarenka e Kvitova. Risolini di dotti scienziati della tecnica, ma anche dei bookmakers che ad inizio anno le davano meno chances di vittoria londinse rispetto alle varie Pennetta, Goerges (forse per via della misura delle tette) o Schiavone. Per battere l’americana delle ultime due esibizioni, Agnese dovrebbe però mettersi il mantello di Mandrake e provare numeri da illusionista. 

Oggi è però il grande giorno delle semifinali maschili. Ed allora ecco la solita, avvincente ridda di analisi, approfondimenti e pronostici. Specie sulla semifinale nobile (finale anticipata secondo i saggi), soprattutto ad opera di lucidissimi ex campioni. Inizia Boris Becker, col volto devastato e clamorosamente sfatto. Uno che se provi a fargli il primo piano, non ce la fai mica a contenerlo nel quadrato. Il tedesco, tra una birra e l’altra, si augura, per il bene del tennis, che siano Federer e Murray a giocarsi la finale. Interviene prontamente Mats Wilander, svedese ex numero uno ed apprezzato (dai sordomuti) telecronista, che a Wimbledon mise in fila una serie di figuracce mica da ridere. In vena di sensazionalismi drogati si spinge a “non vedere come Federer possa infastidire Djokovic”. Nemmeno battere, ma “infastidire”. Voglio dire, io, umile stronzo, una chance di infastidire il serbo la darei anche a Seppi. Immancabile, quando si tratta di vaticini, ecco Johnny, “the genious” Spermac. Tra una camicia fiorellata, ed un elegante vestito con cravatta rosa porcello, ai microfoni della Bbc non si tiene: “Se Federer sente bene la palla, può battere ancora tutti, specie a Wimbledon", dice più o meno. Ora, non è certo questione d’imbroccare il pronostico. Questi ne sbagliano ogni due per tre e stavolta si sono equamente divisi. Quanto il modo di argomentarlo. E riuscire a sbagliare il pronostico anche qualora si potrà rivelare azzeccato, è un picco di genialità che non riconoscevo a Wilander, al solito oscurato e sbertucciato sui prati londinesi da Supermac.

16 commenti:

  1. Mi hai fatto morir dal ridere, grazie, sto ancora smaltendo la nottataccia.
    Però la Kvitova è violenta, quest caterpiller da stesa avanzano eppure non la battano, lei è un hammer rinforzato!
    Sui pronostici anche io li trovo molto divertenti, viaggiano a encefalogramma piatto ma Gufander li batte tutti. Comunuque finisca dubito che Federer prenderà una stesa. Ho proprio paura di Murray invece, lui sul lungo colpisce mentre Jo soccombe perchè è "frettoloso" (che ci mancherebbe è lì il bello) a meno che non vada in esaltazione da "tifo contro" e la chiuda in fretta la vedo dura.

    Jess

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tutte violente (tranne un paio), ma nel confronto diretto, pur al loro massimo, contro una Williams al suo massimo, ci perdono 11 volte su 10.
      Già, più o meno la penso così. Djokovic favorito, ma Federer ha il tennis per vincere. Idem per Jo. Lo sappiamo, via. Stiamo a vedere l'evolversi delle situation.
      Ciao, a presto.

      Elimina
  2. Non trattarmi male mats ti prego.marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Marco, tranquillo. però se dice una macroscopica cappellata, mica bisogna dire che è un genio.
      Djokovic è favorito contro Federer, lo dicono anche i bookmakers. Ma dire che lo svizzero non avrebbe armi per infastidirlo...o che il suo dritto non fa male, rasenta la pazzia reale. Via...diciamo che l'ha detta sotto gli effetti di qualche droga e basta.
      Che a Wimbledon le abbia buscate da McEnroe, e proprio non riusciva a fare grosse cose, sono dati. E' scienza...:)
      Ciao, a presto.

      Elimina
    2. avrei pronosticato un 3 set a due per roger ma anche cosi và bene...mitico mats porta bene ora speriamo non lo dia favorito in finale,ma se il re serve come oggi non ci sono cazzi.
      marco

      Elimina
    3. Preso secco il 3-1 Federer a 7,00. Non altrettanto Tsonga-Murray. Comunque vada a finire.
      Mats, perché lo fa? Non per il pronostico, ma come l'ha motivato. Nemmeno il mio gatto esaurito per il caldo...:)

      Elimina
  3. la 7Up aperta nell'86 è da antologia, m'ha fatto sganasciare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruno. :) Tra l'altro ignoro se sia ancora in vendita. Ad ogni modo calza bene ad "Agnese dolce Agnese", sapore di caprese.

      Elimina
  4. Oggi, 6 luglio 2012 dico con gioia: bbbello Roger di mamma tua! Ha ragione il Mats, Federer infatti non ha usato le sue armi per infastidire il Djoker, li ha usati per batterlo. Che magnifica giornata, signori miei.
    A proposito di Mats: quando nel periodo della mononucleosi il Roger faceva un po' fatica il Mats - operoso commentatore di Eurosport in coppia con Annabel Croft - ebbe a dire che lui sarebbe disposto ad aiutare Federer. Il giornalista prontamente lo va a spifferare a Federer e quello risponde ridendo: Mats Who ?
    Leggerò poi il tuo commento. (Hai notato, scrivo "commento" giusto per non essere accusata di paraquella-roba-lì).
    Un saluto colmo di felicità
    Anna Marie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una grande vittoria. Davvero significativa. Vedrò con scrupolosa attenzione dopo. Tra una birra e l'altra.
      Ricordo qualcosa si Mats, all'epoca. Certe volte però lui, e gli altri ex tennisti commentatori sembra che facciano a gara a chi la spara più grossa.
      Il mio commento? Passi da "opere letetrarie" a "commenti"? Via..."pezzo" andrebbe più che bene...:)
      Un saluto a te, buona serata.

      Elimina
  5. Cavolo che peccato per Jo! Troppo simpatico, mi ha fatto crepare ora che ha chiamato il challenger con Murray che si era già messo le mani sul viso e buttato la racchetta per la gioia. Doppio motivo per tifare Roger, Andy non si può proprio vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, eh...peccato. L'inno alla gioia tennistica che perde dall'inno alla...morte tennistica.
      Però non capisco come abbia potuto perdere secco i primi due.
      Ciao Klimt, speriamo.

      Elimina
  6. Klimt(Semiubriaco e con le uova sulla panza)6 luglio 2012 22:30

    Poi mentre mangi 2 uova con una weiss ti ricordi che esiste un canale da guardare in tv, e accendi supertennis. Toh, Federer-Sampras 2001... che tennis, classe che traboccava fuori da entrambi nemmeno fosse sudore. Sono convinto che l'estasi dei federiani e la divinizzazione di Roger sia dovuta anche al periodo privo di un senso estetico che stiamo vivendo. E' chiaro che vedere Roger passeggiare sul manto erboso in un'epoca infestata da Ferrer, Nadal, Djokovic e compagnia varia lo renda ancor più unico. Vederlo rigiocare con Sampras dopo oltre 10 anni mi fa rivalutare però un aspetto sopito nel tempo: è l'ultimo (vincente) di una generazione di tennisti dotati di talento, intelligenza, carisma, e CLASSE, tanta, CLASSE. Dov'è oggi la classe? Non c'entra una mazza, ma dato che qui mi sento tra amici, posso fare il nostalgico. Ogni tanto mi guardo qualche video di Roberto Baggio, e penso che devo essere scemo a guardare ancora oggi il pallone. Lo si fa per noia, certo, per lo spirito circense insito nell'animo umano, ma che pena signori, che pena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno riproposto quel match o nel "film di Wimbledon"? Beh sì, ricordo...5 set tiratissimi e passaggio di consegne. L'ormai spelacchiato Sampras al tramonto, e l'ipertricotico Federer al disvelamento sul centrale.
      Chiaro, mi trovi d'accordo un po' su tutto. Ogni generazione vede sempre quella precedente come più tecnica, ricercata e romantica. In questo caso è oggettivo, bastava vedere un paio di scambi di quel Match, o qualche anno prima Edberg-Sampras, prima ancora Edberg-McEnroe, e prima ancora McEnroe-Nastase etc...
      proprio a proposito di Nastase (che tennista PAZZESCO), tempo fa beccai questo bellissimo filmato.

      http://www.youtube.com/watch?v=lf4wrrpzdYc

      Finale degli Us Open ashe-Nastase, su erba (tre slam su quattro erano su erba, non nel secolo scorso). Chiaro, non ero nemmeno nato e nei progetti dei miei genitori, e quindi come nostalgia, penso sia l'estremizzazione ultima...:)
      Ciao Klimt, a presto

      Elimina
  7. Il match completo! Oggi e domani alle 17 e 30 credo che passino Federer-Nadal 2007 e 2008.

    Molto bello il filmato, davvero di un'altra epoca. Oggi però, dopo 3 settimane di erba si torna alla terra rossa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito fanno molte repliche, ciclicamente. Vedrò di beccare quel match.
      Sì, divertente. Altro sport completamente.
      Terra battuta, ma per due o tre tornei, tra l'altro snobbati dai più forti.
      Ciao, a presto.

      Elimina


Dissi io stesso, una volta, commentando una volè di McEnroe: "Se fossi un po' più gay, da una carezza simile mi farei sedurre". Simile affermazione non giovò certo alla mia fama di sciupafemmine, ma pare ovvio che mai avrei reagito con simile paradosso a un dirittaccio di Borg o di Lendl. Gianni Clerici.